Piattaforma Milano – Territorio # 02


Il Salone del Mobile di Milano rappresenta la cartina di tornasole dell’economia del capoluogo di una delle aree metropolitane più popolose e ricche d’Europa. La presenza nell’arco di una settimana di più di oltre 300.000 visitatori e 2.500 espositori nella sola sede di Rho conferma la Fiera come motore dell’economia cittadina in grado di creare indotto, tra visite ai musei e alle sedi del Fuorisalone, nel resto della città. Ma il dato più rilevante è l’incremento continuo della presenza straniera che raggiunge quest’anno il 70% (5% in più rispetto all’anno precedente) del totale dei visitatori. L’evento in Zona Ventura/Lambrate, una delle aree più dinamiche del Fuorisalone connotata dalla presenza progetti innovativi tra design e arte contemporanea, era organizzato da una società olandese, la quasi la totalità degli espositori (giovani designers, scuole, società appoggiati anche dalle istituzioni nazionali e consolati) erano stranieri, così come il pubblico che affollava gallerie e stand. In sostanza durante il Salone del Mobile (e non solo) Milano rappresenta una piattaforma logistica (scambi di idee e contatti, business ecc.) per i soli stranieri, vivendo quindi di una rendita di posizione grazie all’immagine creata da più di un secolo di attività nella produzione industriale, nel commercio del design e della moda. Ma la presenza di tali e tanti interessi sul territorio non vengono pensati come una risorsa per la società locale che si accontenta del semplice reddito derivato dall’affitto della “piattaforma” (strutture e ospitalità) senza usarla, rinunciando alla realizzazione di progetti innovativi, capaci di produrre nuove ricchezze per il territorio stesso. Qui più che altrove si sente la mancanza di idee e di imprese per realizzarle.

Questa voce è stata pubblicata in L'opinione, Milano Uncut, Territori #. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Piattaforma Milano – Territorio # 02

  1. Giuseppe Romagnoli scrive:

    Miopia, scarso acume e carenza di programmazione sono “mali comuni” di molte realtà, anche con rilevanti ed immeritate opportunità ed eccellenze.
    Non può durare così!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>